Sabato, 18 Novembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

PERUNU ISVILUPU PRO SA LIMBA E SA CULTURA SARDA, di Bartolomeo Porcheddu

Pubblicazione: 
Mercoledì, 9 Dicembre, 2015 - 12:13

 

 

PERUNU ISVILUPU PRO SA LIMBA E SA CULTURA SARDA

DAE SA “BONA ISCOLA” RENTZIANA

E DAE SU PROGETU “ISCOL@” DE SA REGIONE SARDIGNA

 

In sa Lege de sa “Bona iscola” rentziana non si faghet mentzione de sas minorias linguìsticas istòricas tuteladas dae s’art. 6 de sa Costitutzione italiana e dae sa lege 482 de su 2009. Peruna norma prebidet su mantenimentu de sos dotzentes bilìngue in su territòriu issoro. Pro tantu at a pòdere sutzèdere chi ant a bènnere in Sardigna professores dae àteras regiones de Italia chi non connoschent sa limba sarda e ant a andare a traballare a s’àtera ala de su mare insinnantes de limba mama sarda. Sa Sardigna, in ue esistit sa minoria linguìstica prus cunsistente de Italia, at a èssere cussa chi nd’at a pagare sas peus cunsighèntzias.

In sas regiones e provìntzias a istatutu ispetziale sìmiles a sa nostra, comente a esempru sa Valle d’Aosta e s’Altu Adige, in ue peroe sa cumponente linguìstica minoritària est forte e coesa politicamente, ant serradu in cara sas giannas a s’invasione rentziana faghende leva subra sas tutelas linguìsticas giai istabilidas pro istatutu. Sigomente, comente ischimus, s’istatutu at balore de lege costitutzionale e non podet èssere emendadu dae una lege ordinària, sa lege de sa “bona iscola”, in cussas comunidades, at a abbarrare fora dae sos casegiados iscolàsticos.

Cussu chi, a dolu mannu pro a nois, preòcupat de prus est chi peruna boghe de atentu l’ant betada nen sos rapresentates parlamentare nostros nen, prus pagu, cussos chi setzint in su Consìgiu Regionale de sa Sardigna, mancari bi siant sas cunditziones pro impungiare sa lege a dae in antis de sa Corte Costitutzionale pro bioladura de s’artìculu 6 de sa Costitutzione e pro bidente cuntrastu cun sa lege 482 de su 2009 subra sa tutela de sas minorias linguìsticas. Cundunu guvernu regionale a forte cussèntzia identitària si diat àere dèpidu cùrrere luego a cuntènnere sos dannos, ma gasi no est andada.

Tantu est chi, paris a sa lege subra sa “Bona iscola” rentziana, sunt bessidas una fatu a s’àtera duas propostas pro sa “Bona iscola” sarda presentadas dae sa Regione Autonòma de sa Sardigna. Sa prima si narat “Iscol@” e, mancari siat finantziada de su totu cun dinari sardu, est dereta pro su prus a s’iscola de limba e cultura italiana in Sardigna; mentres sa segunda, distinada a su sardu in sas iscolas, no at tentu s’onore nemmancu de unu tìtulu. Su primu progetu, “Iscol@”, at una dotatzione finantziària de 720 milliones de euro pro sos tres annos 2015-1017, de custos 358,2 milliones andant a s’iscola e 360,9 a s’universidade (funte Ansa). Pro s’annu currente sa Giunta regionale at intentzione de programmare s’ispesa de 185 milliones de euro, chi ant a andare 19,7 milliones a megiorare s’aprendimentu, 35,5 milliones a cumbatare sa dispèrdida iscolàstica, e 130 milliones a interbentos subra s’edilìtzia.

Bogendende 146 milliones pro interbentos istruturales, sa parte manna de sos millione de euro chi restant diat dèpere èssere partzida in custa manera: 9 milliones ant a serbire pro fàghere intrare prus dotzentes in sas iscolas (in cales matèrias no est ispetzificadu, ma non de tzertu in sa limba e cultura sarda), 1 millione pro su potentziamentu de sa limba inglesa (chi giai s’istùdiat in totu sos istitutos), 4,6 milliones pro s’isperimentatzione iscolàstica (no est ispetzificadu in cales matèrias), 1 millione pro sa formatzione de sos professores de italianu e matemàtica (chi giai gosant de sas oras prebistas dae su sistema iscolàsticu), 5,5 milliones pro sas iscolas abertas, oberusiat sos logos in ue fàghere atividades curriculares e extracurriculares (intre custas insinnare sa lògica de sos algorìtmicos, chi diat dèpere fàghere parte giai de su programma iscolàsticu ministeriale). In totu 21,1 milliones de dinari pùblicu sardu dae ue sa limba e sa cultura sarda sunt fatas fora de su totu.

Se segunda proposta (chentza digna numenada), imbetzes, dereta a sa limba sarda in sas iscolas, at una dotatzione finantziària de 900 mìgia euro e est distinada a propostas de isperimentatzione de sa limba sarda in sas iscolas. Si sighit semper a cunsiderare sa limba sarda comente matèria segundària de pònnere in sas iscolas ebbia cun progetos presentados dae sos dirigentes iscolàsticos cunforma a sos bandos prebistos dae sa Regione. Cunsiderende chi cada progetu non podet barigare sos 3.000,00 euro de finantziamentu, est craru chi una mìnima parte ebbia de sas iscolas nde podet usufrire e nemmancu unu dotzente de limba sarda at a pòdere campare dae sa pròpia professione.

Sa majoria guvernativa sarda bantat peroe de su fatu chi mai comente ocannu su finantziamentu pro s’insinnamentu de su sardu in sas iscolas siat istadu gasi artu, ismentighende chi ocannu barigadu sa limba sarda no est intrada in peruna iscola de sa Sardigna e chi ocannu no ant àpidu capièntzia in su bilàntziu 2015 sos finantziamentos pro s’imprenta periòdica in limba sarda, pro sos cursos universitàrios de formatzione pro sos insinnantes de limba sarda, pro su sardu in sa Rai e pro medas àteras initziativas importantes. Est pro tantu in sos ogros de totu sa disparidade de tratamentu intre sas matèrias giai ogetu de finantziamentos istatales (integradas cun dinari sardu) e cussas chi pertocant sa limba e sa cultura sarda.

Lassende a banda sas chistiones chi pertocant sos diritos fundamentales de libertade in s’impreu de sa pròpia limba in sos cuntestos comunitàrios e educativos chi faghent cabu pro su prus a s’amministratzione pùblica e a s’iscola, esistint àteras rejones de natura econòmica e sotziale chi diant dèpere inditare a sos rapresentantes istitutzionales nostros de mirare deretu a s’impreu de sa limba e de sa cultra sarda in sos domìnios linguìsticos de s’amministratzione, de s’istrutzione e de sa comunicatzione. In custa manera s’at a andare a cumbatare cun prus fortza cussas chi sunt sas disauras sotziales generadas dae sèberas polìticas malas de sos ùrtimos annos, oberusiat: sa disocupatzione giovanile, sa dispèrdida iscolàstica, su modellu de iscola centralizada, sa mancàntzia de cultura locale.

Andende a analizare custas boghes una pro una, bidimus chi, oe, sa disocupatzione giovanile a lòmpidu in Sardigna levellos de atintzione manna, in cantu unu giòvanu subra duos est chentza traballu; sa dispèrdida iscolàstica cullocat sa Sardigna a su primu postu in Italia e a sos primos postos in Europa, in cantu unu giòvanu subra bator abbandonat in antis de s’ora sos istùdios, e si inditat comente prima neghe s’atesiada de s’iscola sarda dae sa realtade territoriale sua.

Su modellu de iscola italiana tzentralizada cun programmas ministeriales uniformes no est bonu pro realidades foranas e particulares comente sa Sardigna, in ue un’istudente chi concruit sos istùdios non tenet peruna preparatzione, si non in casos raros, de limba, literadura, istòria, geografia, iscèntzias, arte, mùsica e cantu àteru chì pertocat sa Sardigna. Dae su momentu chi sas matessi matèrias non sunt a parte intro de programmas iscolàsticos, no esistit peruna produtzione librària distinada a sas iscolas, chi, imbetzes, diat àere dadu a sos Sardos postos de traballu calificados (professores, chircadores, autores, editores, imprentadores e àteru), e diat àere abertu a sos istudiantes s’orizonte de sas connoschèntzias dae su generale a su particulare.

Cunsiderende chi unu pòpulu non podet bìvere in sintonia cun su pròpiu territòriu si non connoschet cada sìngula bisura e ogni potentziale e reale resorsa culturale, e pro tantu econòmica, chi li garanteret unu fitianu isvilupu de lassare a sas genias benidoras; e bidu chi in Sardigna esistit unu patrimòniu de benes culturales e naturales de balore inistimàbile chi podet èssere abbaloradu in antis de totu cun sa connoschèntzia e cun s’istùdiu iscientìficu in sas iscolas de ogni òrdine e gradu e in sas universidades, est craru chi sa “bona iscola” renziana e sa “Iscol@” pigliaruana, istruturadas pro afortigare su sistema disastradu de oe e in cuntrastu cun sos printzìpios identitàrios narados subra, no ant a pòdere batire perunu isvilupu a su pòpulu sardu.

No ant a èssere de tzertu duas lavagnas luminosas a allugare sas mentes de sos giòvanos sardos, ma sa làntia de sa connoschèntzia chi los at a giùghere a iscobèrrere s’identidade issoro.

Bartolomeo Porcheddu

 

 

 

 

 

NESSUNO SVILUPPO PER LA LINGUA E LA CULTRA SARDA

DALLA BUONA SCUOLA RENZIANA

E DAL PROGETTO “ISCOL@” DELLA REGIONE SARDEGNA

 

Nella Legge della “Buona scuola” renziana non si fa menzione delle minoranze linguistiche storiche tutelate dall’art. 6 della Costituzione italiana e dalla legge 482 del 2009. Nessuna norma prevede il mantenimento dei docenti bilingue nel loro territorio. Pertanto potrà accadere che giungeranno in Sardegna professori da altre regioni d’Italia che non conoscono la lingua sarda e andranno a lavorare oltremare insegnanti di lingua madre sarda. La Sardegna, dove esiste la minoranza linguistica più consistente d’Italia, sarà quella che ne pagherà le peggiori conseguenze.

Nelle regioni e provincie a statuto speciale simili alla nostra, come ad esempio la Valle d’Aosta e l’Alto Adige, dove però la componente linguistica minoritaria è forte e coesa politicamente, sono state chiuse in faccia le porte all’invasione renziana facendo leva sulle tutele linguistiche già stabilite per statuto. Poiché, come sappiamo, lo statuto ha valore di legge costituzionale e non può essere emendato da una legge ordinaria, la legge sulla buona scuola, in quelle comunità, rimarrà fuori dai caseggiati scolastici.

Quello che, purtroppo per noi, preoccupa maggiormente è che nessun grido di allarme è stato lanciato né dai nostri rappresentanti parlamentari né, tantomeno, da quelli che siedono nel Consiglio Regionale della Sardegna, sebbene ci siano le condizioni per impugnare la legge davanti alla Corte Costituzionale per violazione dell’articolo 6 della Costituzione e per palese contrasto con la legge 482 del 2009 sulla tutela della minoranze linguistiche. Con un governo regionale a forte coscienza identitaria si sarebbe dovuto immediatamente correre ai ripari, ma così non è stato.

Tant’è che, quasi contemporaneamente alla legge sulla “Buona scuola” renziana, sono uscite una dopo l’altra due proposte per la buona scuola sarda presentate dalla Regione Autonoma della Sardegna. La prima si chiama “Iscol@” e, sebbene sia finanziata completamente da soldi sardi, è diretta essenzialmente alla scuola di lingua e cultura italiana in Sardegna; mentre la seconda, destinata al sardo nelle scuole, non ha avuto l’onore neppure di un titolo. Il primo progetto, “Iscol@”, ha una dotazione finanziaria di 720 milioni di euro per il triennio 2015-1017 di cui 358,2 milioni per la scuola e 360,9 per l’università (fonte Ansa). Per l’anno in corso la Giunta regionale ha intenzione di programmare la spesa di 185 milioni di euro, di cui 19,7 milioni per migliorare l’apprendimento, 35,5 milioni per combattere la dispersione scolastica, e 130 milioni per interventi sull’edilizia.

Togliendo i 130 milioni per interventi strutturali, la maggior parte dei restanti milioni di euro dovrebbe essere così ripartita: 9 milioni serviranno per inserire più docenti nelle scuole (in quali materie non è specificato, ma non certo nella lingua e cultura sarda), 1 milione per il potenziamento della lingua inglese (che già si studia in tutti gli istituti), 4,6 milioni per la sperimentazione scolastica (non è specificato in quali materie), 1 milione per la formazione dei professori su italiano e matematica (che già usufruiscono delle ore previste dal sistema scolastico) 5,5 milioni per le scuole aperte, cioè spazi nei quali fare attività curricolare e extracurricolare (tra cui insegnare la logica degli algoritmi, che dovrebbero far già parte del programma scolastico ministeriale). In tutto 21,1 milioni di soldi pubblici sardi dai quali la lingua e la cultura sarda sono del tutto escluse.

La seconda proposta (senza degna denominazione), invece, indirizzata alla lingua sarda nelle scuole, ha una dotazione finanziaria di 900 mila euro ed è destinata a proposte di sperimentazione della lingua sarda nelle scuole. Ancora una volta la lingua sarda viene considerata materia secondaria e inserita nelle scuole solo attraverso progetti presentati dai dirigenti scolastici secondo i bandi previsti dalla Regione. Considerando che ogni progetto non può superare i 3.000,00 euro di finanziamento, è chiaro che solo una minima parte delle scuole potrà usufruirne e neppure un docente di lingua sarda potrà sopravvivere dalla propria professione.

La maggioranza governativa sarda vanta però il fatto che mai come quest’anno il finanziamento per l’insegnamento del sardo nelle scuole sia stato così alto, dimenticando che non hanno trovato capienza nel bilancio 2015 i finanziamenti per la stampa periodica in lingua sarda, per i corsi universitari di formazione per gli insegnanti di lingua sarda, e per tante altre importanti iniziative. È pertanto alquanto evidente la disparità di trattamento tra le materie già oggetto di finanziamenti statali (integrate ora con soldi sardi) e quelle relative alla cultura e alla lingua sarda.

A prescindere da questioni che riguardano i diritti fondamentali di libertà nell’utilizzo della propria lingua nei contesti comunitari ed educativi che fanno capo principalmente all’Amministrazione pubblica e alla scuola, esistono altre ragioni di natura economia e sociale che dovrebbe indirizzare i nostri rappresenti istituzionali a puntare decisamente verso l’utilizzo della lingua e della cultura sarda nei domini linguistici dell’amministrazione, dell’istruzione e della comunicazione-

In questo modo si andrà a combattere con più forza quelli che sono i disastri sociali generati dalle scelte politiche scellerate degli ultimi anni, ovverosia: la disoccupazione giovanile, la dispersione scolastica, il modello di scuola centralizzata, la mancanza di cultura locale. Andando ad analizzarle queste voci una per una, vediamo che, oggi, la disoccupazione giovanile ha raggiunto in Sardegna livelli allarmanti, in quanto un giovane su due è senza lavoro; la dispersione scolastica colloca la Sardegna al primo posto in Italia e ai primi posti in Europa, in quanto un giovane su quattro abbandona prematuramente gli studi, e si indica come causa principale la distanza della scuola sarda dalla sua realtà territoriale.

Il modello di scuola italiana centralizzata con programmi ministeriali uniformi non è adatto a realtà periferiche e particolari come la Sardegna, dove uno studente che conclude gli studi non ha alcuna preparazione, se non in rari casi, di lingua, letteratura, storia, geografia, scienze, arte, musica ed altro relative alla Sardegna. Dal momento che le stesse materie non sono inserite in programmi scolastici, non esiste alcuna produzione libraria destinata alle scuole, che, invece, avrebbe dato ai Sardi posti di lavoro qualificati (professori, ricercatori, autori, editori, stampatori ed altro), ed avrebbe aperto agli studenti l’orizzonte delle conoscenze dal generale al particolare.

Considerando che un popolo non può vivere in sintonia con il proprio territorio se non ne conosce ogni singolo aspetto e ogni sua potenziale e reale risorsa culturale, e quindi economica, che gli garantisca un progressivo sviluppo da lasciare alle generazioni successive; e rilevando che in Sardegna esiste un patrimonio di beni culturali, archeologici e naturali di inestimabile valore che può essere valorizzato innanzitutto con la conoscenza e lo studio scientifico nelle scuole di ogni ordine e grado e nelle università, è chiaro che la “buona scuola” renziana e la “Iscol@” pigliaruana, strutturate per rafforzare il sistema disastrato di oggi e in contrasto con i principi identitari citati sopra, non potranno portare alcuno sviluppo al popolo sardo.

Non saranno di certo due lavagne luminose a illuminare le menti dei giovani sardi, ma il lume della conoscenza che li porterà a scoprire la loro identità.

Bartolomeo Porcheddu