Sabato, 18 Novembre 2017
Unitelsardegna Logo
Piattaforma didattica >>
 

Comenti unu lìbburu podit pigai sa manu: “La personalità creativa” de Carla Sale Musio

Pubblicazione: 
Lunedì, 29 Febbraio, 2016 - 07:52

 

In unu mundu virtuali chi est spraxendusì deapetotu, a bortas, s'intendeus isceti umbras e, sèmpiri de prus, foras de cussus tretus chi, invecis, donant sabori friscu a sa vida. Biri perou ca in custus giassus telematicus ddoi at ainas, no isceti po una comunicatzioni lestra e frida cun is àterus ma, po connòsciri de prus su mundu nostru de a intru, est comente agatai una mintza di àcua frisca.

Unu de custus benadroxus est unu blog:  Io non sono normale : IO AMO, nàsciu in su 2011, istrina de Carla Sale Musio: meigadora de s'ànima, psicologa po is registrus burocràticus. Issa po annus e annus at tocau e sanau is liagas de s'ànima, nexi, a bortas, fintzas de cussas de su corpus. In custu giassu at bófiu èssiri, cun una esperiéntzia de 30 annus, puntu de riferimentu siat po chini, in terapia, teniat abbisongiu de cumprèndiri mellus is chistionis suas, siat po chini fut fendu, a solu, unu caminu de cambiamentu. Totu custu sa dotoressa Sale Musio dd'at fatu castiendu e ascurtendu e, a pustis, amostendu cali funt is bias de una personalidadi creadora, donendu a custu modu de èssiri, deretu de esisténtzia.

De chistionai: … è in questo modo che il sacro ispira la creazione, che lo spirito si fa carne, che l'arte annuncia la parola della Divinità. Creare è un po' come pregare. Significa entrare in contatto con ciò che di più alto e puro esiste dentro di noi…

Ca sa primu creadora est issa. Imbentera de moris adatus po donniunu: anderas de ascurtu, de acabidaduras e de indicus po lòmpiri a unu logu “nostru”.

De su blog nascit unu lìbburu:  La personalità creativa (youcanprint € 18,90- si podit agatai in internet puru) Ma chi ddu pigas in is manus, po maîa si mudat in un'arau. De cussus araus antigus de linna chi caringiant sa terra chi manixant e andant a fundu circhendu is iscruxoxus tudaus: de su tempus, de sa suferéntzia, de sa traitoria, de sa falsidadi, de is tantis carotas isceradas de àterus po nosu e chi mancai cuant sa parti prus bella chi teneus. Cussa brulladora, cantadora, fainera, adobiadora. Cussa imbentadora de sa bellesa in sa suferéntzia. Cussa chi crescit e iscoberit cosas noas dì po dì. Is istrinas po nosu.

A ghiai s'arau una manu iscìpia e carinniadora chi connoscit sa profundidadi de is surcus, is tentas, sa sementza. Iscit comenti si ndi tirat s'erba mala e comenti si àcuant is matixeddas noas. Ma is tentas funt chene acabbu: una po donniunu de nosu ca totus seus diversus e ùnicus. Papa Franciscu narat: «Depeus èssiri bonus a acolliri sa richesa de sa diversidadi».

E sa diversidadi podit èssiri fintzas a èssiri lìbberus, a istimai chene connòsciri làcanas, a no pònniri menti.

…La libertà oltrepassa le parole e, per comprenderla, è necessario viverla. Avere una personalità creativa significa cavalcare costantemente il cambiamento permettendo all'energia dell'amore di esprimersi con naturalezza nella propria quotidianità…

Unu lìbburu chi si pigat sa manu candu seus impentzamentaus, tristus, solus.

…Solo l'amore sopravvive alla morte…

Unu lìbburu po donai a cussu iscuriu chi no cumprendeus ma chi si prenit su coru una forma chi assimbillit a sa luxi…

…La salute mentale non ha regole e non è possibile farla rientrare in uno schema, si possono però tratteggiare punti comuni da cui prendere le mosse per spiccare il volo dell'autonomia...

E in sa paristória chi serrat su lìbburu ddoi podis èssiri tui puru. Iscumitis?

Il cuore non è normale.

È libero.

Anna Cristina Serra

Da L'Unione Sarda del 29/02/2016

 

 


Approfondimenti:

 

 

- LINGUA SARDA E PERSONALITÀ CREATIVA, di Carla Sale Musio

Ecco un estratto dell'articolo:

"...La lingua sarda è un idioma antico e intimo, capace di esprimere l’intensità dei sentimenti con una profondità e una musicalità neanche paragonabili alla lingua ufficiale, talvolta imposta, di un paese. Leggere sul giornale un pezzo che racconta di me e descrive il risultato delle mie ricerche con le parole di questa lingua, ancestrale e piena di saggezza, mi commuove e mi onora profondamente, facendomi sentire ancora più intensamente parte di una terra, la Sardegna, che mi ha accolta quando avevo solo cinque anni e che, nel tempo, mi ha rivelato tutta la sua natura solitaria, sensibile e profondamente accogliente… così simile alla mia anima..." Continua a leggere